cerca nel sitoCerca
      

Comprimere le immagini di un sito web

Il web moderno o meglio i contenuti di esso, ci obbligano a ottimizzare in direzione della fruibilita' su tutti i dispositivi, specialmente smartfone e tablet, i nostri progetti sul web.
Parlando di usabilita', riveste un ruolo molto importante la velocta' di esecuzione di un sito e di una applicazione web,
un sito piu' leggero ha oggettivamente un migliore posizionamento nei risultati di ricerca.

Allo scopo di alleggerire un sito web, si fa ricorso a diverse tecniche, sia lato client che server, come ad esempio il caching dei contenuti, l'utilizzo di moduli specifici per Apache e nginx, la compressione dei contenuti siano essi script o multimediali come video e immagini.

Voglio suggerirvi alcuni strumenti per la compressione delle immagini, sia lato client che server.


Lato client:

  • Optimizilla semplice tool per ottimizzare le immagini JPEG e PNG.
  • Tinypng Altro strumento per ottimizzare le immagini, solo le png in questo caso.
  • VectormagicConverte una immagine bitmap in una vettoriale.

Lato server:

  • jpegoptim presente nelle maggiori distrubuzioni linux e su FreeBSD. Per utilizzarlo al meglio vi consiglio di leggere le istruzioni, potrete comprimere recursivamente tutte le immagini all'interno di una data cartella, ad esempio:
    #cd /var/www/sito/cartella-immagini && find . -name '*.jpg' | xargs jpegoptim --strip-all
  • Optipng anche questo programma dovrebbe trovarsi tra i repository della vostra distrubuzione linux.
    Possiamo preservare la copia originale delle nostre immagini
    #cd /var/www/sito/cartella-immagini && find . -iname "*.png" | xargs optipng -o5 -quiet -keep -preserve -log optipng.log
    e successivamente sovrascriverle
    find . -iname "*.png.bak" -exec rm -rf {} \;


Vedi anche

Come evitare i testi duplicati
SEO e Webmarketing in Russia
Brand Audit

Hosting SEO.

Investire in Russia.

HTML5

Certificati SSL free



Ultimi commenti

Commenti (0)


Scrivi un commento






Tag permessi: <b><i><br>Aggiungi un nuovo commento: